ULTIM'ORA

Grecia, il piano per smaltire questi 52 relitti abbandonati in mare

Grecia, il piano per smaltire questi 52 relitti abbandonati in mare
Diritti d'autore
Tutte le foto: AP Photo/Thanassis Stavrakis
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Le autorità greche hanno pensato ad una soluzione per smantellare i relitti delle navi abbandonate che costituiscono un enorme danno ambientale per le coste locali: chiedere alle imprese private di intervenire permettendo loro di guadagnarci con la vendita delle parti metalliche ottenute.

Un tempo erano dei veri e propri bolidi del mare. Oggi, queste foto testimoniano ciò che resta della loro ricca storia. La maggior parte di queste carcasse giace, inerte e arrugginita, nella baia di Elefsina nella zona del Pireo fino a Salamina. Il danno ambientale, come detto, è oggi è il problema più grande.

Dimosthenis Bakopoulos, capo dell'Autorità Portuale Pubblica, dice che non "bisogna essere scienziati per capire che questi relitti sono una bomba a orologeria ambientale. Dal porto del Pireo all'isola di Salamina, che si trova al largo di Elefsina, ci sono 52 scheletri di metallo di questo tipo, aggiunge Bakopoulos osservando che alcune di queste navi riversano ancora in mare prodotti petroliferi.

Charalampos Gargaretas, amministratore delegato dell'Autorità Portuale di Elefsina, afferma che, oltre al rischio ambientale, esiste anche un problema sicurezza.

"Ci sono punti dove sono compresenti 2-3 relitti ma in quelle acque navigano tuttora altre imbarcazioni".

Il luogo esatto è pertanto marcato da delle boe segnaletiche.

A chi appartengono questi relitti?

Smantellare i resti è un lavoro molto complicato soprattutto per risalire ai proprietari delle singole imbarcazioni. I proprietari delle navi possono essere privati, che magari hanno ereditato il bene, oppure società registrate in paesi come le Isole Marshall, Gran Bretagna e Honduras. Alcune di queste sono fallite o non sono più rintracciabili.

Le autorità hanno quindi avviato un processo di nazionalizzazione delle navi abbandonate.

Le compagnie specializzate in smaltimento e demolizione si assumono quindi il compito di fare a pezzi le navi e rimuoverne i resti: un lavoro che si impegnano ad offrire gratuitamente allo Stato in cambio della possibilità di vendere il metallo ottenuto dai rottami.

Come spiega Charalampos Gargaretas "il vantaggio sta nel valore del metallo di cui ogni nave è composta. L'investitore privato può decidere se trarre beneficio o meno dalla vendita dei pezzi di ferro, come la chiamiamo noi, e realizzare un profitto. Traiamo un profitto dai relitti rimossi da qui non pagando il costo della rimozione, praticamente: Dopo tutto la nostra autorità portuale non ha né le macchine né gli strumenti adeguati per portarli a riva, tagliare il metallo e smaltire i pezzi"

Un altro problema che le autorità greche hanno dovuto affrontare è l'opposizione della popolazione locale, contraria alla demolizione delle grandi navi nelle vicinanze per paura dell'impatto ambientale dell'intera operazione.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.