ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Salvini a Varsavia per un'alleanza sovranista

Salvini a Varsavia per un'alleanza sovranista
Dimensioni di testo Aa Aa

Si tratta di una fragile alleanza quella tra Salvini e l’estrema destra polacca, invitata a creare un gruppo politico che alle prossime elezioni europee includa tutte le forze sovraniste. Questo l’obiettivo dell’incontro di mercoledì a Varsavia tra Salvini e gli esponenti del partito al potere "Diritto e giustizia". L’accoppiata risulta tutt’altro che vincente.

Le due forze hanno interessi contastanti: sebbene entrambe perseguano politiche anti immigrazione, il partito di Jaroslaw Kaczynski è contrario a ogni ridistribuzione dei migranti da altri paesi europei. Inoltre le posizioni filo russe del capo del Carroccio non piacciono a Varsavia, spiega Doru Frantescu, direttore di Vote watch Europe.

"Chiaramente la posizione dell'Europa nei confronti della Russia è uno dei punti di attrito. Questa è una questione che i polacchi hanno a cuore molto più dell'immigrazione. Per loro è una linea rossa e a meno che non trovino una soluzione - e non credo che la troveranno nell'immediato futuro-, sarà molto difficile lavorare insieme ".

Salvini intende sfidare l’Europa, ma per avere peso nell’emiciclo dovrà diventare un alleato appetibile dopo le elezioni per le altre forze politiche, soprattutto il Partito Popolare europeo.

Il leader della Lega Salvini incontra il leader del parito polacco "Diritto e Giustizia"

"Sarà difficile per Salvini dimostrarsi un partner affidabile sia per il PPE che per le forze di estrema destra", continua Frantescu. "Dovrà fare delle scelte dopo le elezioni e probabilmente preferirà moderare le sue posizioni verso il centro, piuttosto che fare coalizioni con forze di estrema destra".

Salvini avrebbe desiderato includere nel nuovo soggetto politico anche il suo storico alleato, il primo ministro ungherse Viktor Orban. Il leader magiaro ha invece deciso di presentarsi alle elezioni europee con il suo gruppo di appartenenza, il Parito Popolare europeo.