Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Iran, nuove sanzioni in arrivo dall'Unione europea

Iran, nuove sanzioni in arrivo dall'Unione europea
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Per la prima volta dalla ratifica dell'accordo sul nucleare del 2015, Bruxelles torna a imporre sanzioni all'Iran. Le misure arrivano come ritorsione per due falliti attentati che lo scorso anno in Francia e Danimarcaavrebbero dovuto colpire oppositori del regime.

Ma il governo olandese è convinto ci sia Teheran anche dietro due omicidi avvenuti nei paesi bassi: "Abbiamo abbiamo forti indizi del coinvolgimento del governo iraniano in due assassini avvenuti nei Paesi Bassi nel 2015 e nel 2017" spiega Dick Schoof, coordinatore nazionale anti-terrorismo. "Si tratta di due omicidi che hanno colpito oppositori del regime iraniano. Questo è inauddito: è inaudito che si uccideano degli oppositori, ed è ancora più inaudito che si uccidano persone di altre nazionalità, che vivono in altri paesi e che le si uccida all'estero. Quindi penso che anche sul piano politico invieremo messaggi molto forti contro il governo iraniano.

Le sanzioni sono dirette a due individui - la cui identità non è ancora stata resa nota - e a un'unità dei servizi di intelligence di Teheran: sarebbero tutti coinvolti nei due attentati sventati l'anno corso.

La decisione ha fatto infuriare il governo iraniano: in un messaggio su twitter il ministro degli esteri di Teheran ha accusato Francia, Olanda e Danimarca di spalleggiare l'MEK, un movimento che sarebbe "responsabile della morte di 12mila iraniani" e avrebbe "collaborato ai crimini di Saddam Hussein contro i curdo-iracheni".

Proprio a una riunione dell'MEK - alla quale prese parte anche l'ex sindaco newyorchese Rudy Giuliani - era rivolto l'attentato sventato a Parigi, dove un uomo e una donna di origini iraniane furono trovati in possesso di mezzo chilo d'eplosivo.

A ottobre del 2018, inoltre, i servizi segreti iraniani furono accusaati di aver complottato per uccidere l'esponente dell' Ahvaz, un movimento separatista che chiede uno stato autonomo per i cittadini di etnia araba nella provincia del Kuhzestan