EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il "Black Friday" della Metropolitana di Mosca

Il "Black Friday" della Metropolitana di Mosca
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alcuni dei fan più indomiti della Metro di Mosca hanno potuto acquistare la vecchia segnaletica con prezzi che vanno dai 19 ai 126 euro, a seconda del valore storico o delle condizioni.

PUBBLICITÀ

La Metropolitana di Mosca ha messo in piedi il suo personale "Black friday". Alcuni dei suoi indomiti fan, infatti, hanno potuto acquistare la vecchia segnaletica: i classici "Vietato l'accesso" o "Non si effettuano cambi dopo l'una del mattino", mettendosi in fila sin dalle prime ore del giorno.

I prezzi variano da un minimo di 19 euro a un massimo di 126 euro circa, a seconda del valore storico o delle condizioni in cui versano. Infatti, alcune segnaletiche risalgono agli anni sovietici, altri sono datati negli anni della Russia più recente, posteriormente la caduta dell'Unione sovietica.

La vice direttrice della metropolitana, Yulia Temnikova, afferma che altra segnaletica sarà messa in vendita ancora:

"Le migliori segnaletiche luminose sin qui conservate, possono interessare i nostri passeggeri ma anche i collezionisti e i designer", ha aggiunto.

Uno stile, quello della metropolitana moscovita, che sin dalla sua inaugurazione nel 1935 ha attraversato una vera e propria evoluzione: dagli episodi storici dell'epoca sovietica, raffigurati con basso-rilievi e sculture, fino ad arrivare a una mano più utilitaristica e modesta.

La "città sotterranea" di Mosca è arrivata ad avere 14 linee che si diramano per oltre 420 KM con 252 stazioni attraversate da milioni di passeggeri ogni giorno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Città del Messico: una bara in metropolitana?

Russia, la denuncia di esperti e attivisti: i nuovi testi scolastici distorcono la storia recente

Pompei: scoperto un sacrario con le pareti blu, il ministro della Cultura "non smette di stupire"