ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio, crisi politica: sul patto Onu per le migrazioni cade il governo

Belgio, crisi politica: sul patto Onu per le migrazioni cade il governo
@ Copyright :
REUTERS/Francois Lenoir
Dimensioni di testo Aa Aa

Una buccia di banana, un inciampo su cui cade il governo belga di minoranza di Charles Michel: sono le divergenze sul cosiddetto Global Compact - il documento non vincolante dell'Onu sull'immigrazione - a rompere l'alleanza di centrodestra con i nazionalisti fiamminghi dell'N-VA. Uno strappo motivato dall'ostilità al patto Onu che - secondo i fiamminghi - potrebbe stravolgere la legislazione nazionale in materia di flussi migratori.

Le dimissioni del premier belga, dopo la mozione di sfiducia presentata da Verdi e Socialisti, sono state congelate da Re Filippo sino alla conclusione delle audizioni con i leader politici.

Michel ha provato a proporre un «governo di buona volontà» per traghettare il paese fino alle elezioni del 26 maggio: un appello naufragato per il disimpegno degli alleati fiamminghi e per la sfiducia chiesta dalle opposizioni.

Il forfait di Charles Michel arriva in un momento delicato per il Belgio, è il commento di alcuni cittadini.

"Non sono particolarmente favorevole a Michel, ma non considero le sue dimissioni una buona cosa - commenta un elettore - siamo vicini alle elezioni e non credo sia una cosa positiva avere le dimissioni ora".

"Purtroppo - dice un altro - questo non è di buon auspicio per il futuro, perché gli estremisti e il populismo stanno guadagnando terreno. Quindi, questa crisi è un bene solo per il partito fiammingo di destra e ho un po' paura per il Belgio".

Nel fine settimana il partito nazionalista N-VA è sceso in piazza per protestare contro il patto Onu: una campagna sposata, nel resto d’Europa, dalle principali forze della destra populista.