EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La Foundation Trump chiude i battenti

La Foundation Trump chiude i battenti
Diritti d'autore REUTERS/Jim Young
Diritti d'autore REUTERS/Jim Young
Di Simona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente americano, che ha accettato di sciogliere la fondazione, dovrà restituire 2 milioni e 800 mila dollari e, insieme ai figli, non potrà servire nel board di altre organizzazioni no profit della Grande Mela, almeno temporaneamente.

PUBBLICITÀ

La Fondazione di Trump e famiglia è costretta a chiudere i battenti, accusata dalla procura generale di New York di condotta illegale persistente protrattasi per dieci anni. Il denaro utilizzato, secondo l'inchiesta della procura newyorchese, sarebbe servito anche a coordinare la campagna presidenziale del tycoon americano, oltre che a ottenere vantaggi economici personali per sé e per la famiglia. La procuratrice Barbara Underwood ha definito il quadro ricostruito di "scioccante illegalità".

Già nel giugno scorso, Trump aveva reagito alla notizia dell'avvio dell'azione legale, rivelata dal Washington Post, annunciando battaglia contro i democratici e l'allora procuratore generale Schneiderman.

Il presidente americano, che ha accettato di sciogliere la fondazione, dovrà restituire 2 milioni e 800 mila dollari e, insieme ai figli, non potrà servire nel board di altre organizzazioni no profit della Grande Mela, almeno temporaneamente.

Il presidente degli Stati Uniti era l'unico segnatario dei conti della fondazione e compare come colui che ha approvato tutte le operazioni economico-finanziarie. Le indagini, ha assicurato la Underwood, non si fermeranno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

USA: sotto indagine, lascia il segretario all'interno

Russiagate: condannato Cohen, ex-avvocato di Trump

Stati Uniti: Donald Trump contestato alla convention del Partito Libertario