ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Macron sui luoghi degli scontri

Macron sui luoghi degli scontri
@ Copyright :
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Atti vandalici contro l’Arco di Trionfo, con scritte e danneggiamenti, il presidente Macron si reca a Parigi sui luoghi delle violenze di questo sabato, il terzo consecutivo, in cui una parte minoritaria di manifestanti ha messo a ferro e fuoco la capitale.

412 e persone fermate. I feriti sono 133, compresi 23 agenti delle forze dell’ordine.

Emmanuel Macron ha fatto visita all’Arco di Trionfo, danneggiato durante le manifestazioni accompagnato dal ministro dell’Interno Christophe Castaner. Eppure alcuni parigini sostengono la protesta. Dice un uomo: "È triste vedere quello che è successo, ma credo che sia l'unica maniera di comunicare con il governo sfortunatamente. Credo però che fossero cose che andassero messe in conto. Il presidente francese deve accettarlo perchéé è lui che ha provocato tutto questo e solo lui può cambiare la situazione.

Un altro ragazzo dice: "Non sono ricco. Spendo circa 400 euro al mese di benzina. Vivo nella Francia meridionale, ad Avignone, e supporto i gilet gialli, ma da noi siamo pacifici. Quando sono imbottigliato nel traffico per le proteste, aspetto con pazienza perché penso che sia una cosa positiva. Quello che hanno fatto qui però, non ha nulla di postivo ed è dannoso per il movimento".

Una donna aggiunge: "Credo che sia triste per le persone che hanno fame e che sono costrette a questi gesti. Credo sia triste in una società democratica".

I danni di quest'ultimo sabato non sono ancora quantificabili, ma superano le centinaia di migliaia di euro all'arredo urbano senza contare i danni ai privati. Gli inquirenti hanno cominciato ad analizzare le immagini delle telecamere di sicurezza, e non è detto che sabato prossimo le cose non si ripetano.