ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Brexit minaccia San Valentino

Lettura in corso:

La Brexit minaccia San Valentino

La Brexit minaccia San Valentino
Dimensioni di testo Aa Aa

Rotterdam, sede del più grande porto d'Europa, guarda con preoccupazione l'incertezza nel Regno Unito dopo la Brexit.

Il porto prevede di assumere più di 900 addetti doganali supplementari per gestire i controlli aggiuntivi che saranno necessari se il Regno Unito lascerà l'UE senza un accordo.

Annika Hult, direttrice di "Stena Line" afferma:

"Siamo molto preoccupati di vedere interruzioni, ritardi e congestioni nel caso di un non accordo. Siamo preoccupati e abbiamo bisogno di chiarezza ".

I funzionari prevedono un aumento del 30% delle ispezioni alle importazioni e un aumento del 100% delle ispezioni alle esportazioni. Gli operatori dei traghetti avvertono che ci saranno più moduli da compilare.

"Il ripiego sarebbe uno scenario da organizzazione mondiale del commercio- continua Hult-. Se non si raggiunge un accordo, vorrà dire che ci saranno controlli completi e così via. Sarà molto simile al commercio con altri paesi terzi con cui non ci sono accordi speciali".

Stena Line, gestisce quattro o cinque navi al giorno che salpano per i porti britannici ed è preoccupata per i ritardi nei carichi di prodotti freschi: questo potrebbe avere un impatto sul cibo e non solo.

"Pensate ai fiori. Dovreste venire qui poco prima di San Valentino: c'è molto movimento e questo è un altro esempio del perché è così importante che ci sia un flusso continuo. Immaginate che i fiori arrivino il 15 febbraio. Non è molto bello e facciamo di tutto per consegnare in tempo i mazzi di fiori per San Valentino ai vostri cari".

San Valentino potrebbe essere solo un'altra vittima della Brexit.