This content is not available in your region

19enne morì, condannato pusher a 8 anni

Access to the comments Commenti
Di ANSA

(ANSA) – AREZZO, 6 NOV – Il tribunale di Arezzo ha condannato
a 8 anni Jbeil Moez, pusher maghrebino, trentenne, per la morte
di Sara Smahi, la 19enne trovata morta dopo un festino in una
villa a Cesa in Valdichiana nel comune di Marciano (Arezzo) l’11
marzo 2017. La sentenza è stata letta stasera dal gup Fabio
Lombardo al termine di un processo in abbreviato. Il trentenne
era imputato di morte in conseguenza di altro reato e di
spaccio. Il gup ha inflitto sei anni per il primo reato, due per
il secondo, in più ha comminato un’ammenda di 18 mila euro e
disposto un risarcimento di 400.000 euro con provvisionale ai
familiari della vittima, che sono scoppiati a piangere alla
lettura del dispositivo. Con loro l’avvocato Sabina Senatore.
L’imputato, che era in aula, è tornato in carcere. Invece non è
mai stato rintracciato l’altro maghrebino che era con Sara Smahi
e lo spacciatore condannato oggi. Sara era di origini marocchine
ma abitava da tanto tempo a Sansepolcro e stava cercando di
uscire dal tunnel della droga.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.