ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turismo Cina-Ue: una partnership per guardare al futuro

Lettura in corso:

Turismo Cina-Ue: una partnership per guardare al futuro

Turismo Cina-Ue: una partnership per guardare al futuro
Dimensioni di testo Aa Aa

Il turismo è un grosso business a Macao. Milioni di persone vengono qui ogni anno per approfittare della ricca mescolanza di intrattenimento e patrimonio culturale. Il contesto adatto per il Global Tourism Economy Forum, che si è tenuto qui nei giorni scorsi.

Macao è una delle metropoli che occupano il Delta del Fiume delle Perle. Considerata da tempo un ponte fra oriente e occidente, l'ex colonia portoghese - ora regione amministrativa speciale della Cina - non dorme mai, attirando visitatori giorno e notte.

Una nuova partnership Cina-Ue

La settima edizione del Forum si è tenuta in un momento cruciale per gli scambi commerciali cinesi: Pechino ha infatti avviato una collaborazione con Bruxelles che punta a dare nuovo slancio al turismo e agli investimenti da entrambi i lati.

"L'Unione europea e la Cina sono le due regioni più grandi sia per quanto riguarda il numero di viaggi in uscita sia nella capacità di accogliere viaggiatori in quelle regioni - spiega Pansy Ho, segretaria generale del Gtef -. Hanno attraversato un periodo molto intenso nel costruire relazioni molto forti fra loro. E prevedo che la crescita continuerà".

L'Unione europea era uno dei partner ufficiali dell'ultima edizione del Forum. E il 2018 è l'anno del turismo Europa-Cina. Un'occasione d'oro, secondo Pansy Ho: "Se da un lato ci fa molto piacere dare a sempre più viaggiatori cinesi la possibilità di andare a esplorare l'Europa e vivere nuove esperienze, vorremmo anche approfittarne per aiutare gli Europei a conoscere qualcosa di più dello stile di vita cinese, e venire a vedere come stanno andando le cose in Cina".

Eric Philippart, consigliere speciale per l'anno del turismo Europa-Cina, spiega che cosa significa la nuova partnership: "L'Unione europea sta negoziando su collegamenti aerei e agevolazioni sui visti. Oggi i viaggiatori vogliono arrivare più in fretta, avere accesso diretto alla loro destinazione, sono sempre più infastiditi dalle pratiche burocratiche. Quindi stiamo lavorando su questo da entrambe le parti".

Una fiera virtuale in 3D

E i viaggiatori impazienti, grazie alle nuove tecnologie, possono informarsi sulle destinazioni turistiche senza alzarsi dalla sedia. Al Forum è stata presentata una fiera virtuale realizzata con finanziamenti europei.

"Invece di andare in un luogo fisico - spiega Ivan Hiel, consigliere delegato di 2Advice -, i visitatori si collegano a quest'ambiente virtuale, completamente immersivo in 3D. Qui trovano tutte le informazioni sui percorsi che stanno cercando e possono interagire fra di loro. È la prima nel suo genere".

Macao: l'occhio rivolto al futuro

Macao vorrebbe aggiudicarsi una fetta più grossa del mercato europeo. Oltre ai suoi locali notturni, vanta un centro storico che è stato incluso nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco. E al tempo stesso ha gli occhi puntati sul futuro, con gli oltre 40 chilometri del ponte che la collega ormai a Hong Kong. Il ponte marino più lungo del mondo. L'inaugurazione dell'opera, alla presenza del presidente cinese, è stata trasmessa in diretta al Forum.

Per Maria Helena de Senna Fernandes, direttrice dell'Ufficio del Turismo di Macao, "Il ponte è un'infrastruttura molto importante perché migliora i collegamenti. E poi noi lo consideriamo un'attrazione turistica a se stante. Ma ci sono ancora molte iniziative in arrivo. Nell'ambito del miglioramento dei trasporti, ci sarà la metropolitana leggera, e poi ci sono diversi hotel in costruzione".

Mentre la Cina getta ponti verso il futuro, l'Unione europea è destinata a diventare un partner sempre più importante, soprattutto nel turismo. Rafforzando legami economici le cui origini risalgono all'antica Via della Seta.

#

Altro da focus