ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sulla Brexit nessuna svolta al vertice UE

Lettura in corso:

Sulla Brexit nessuna svolta al vertice UE

Sulla Brexit nessuna svolta al vertice UE
Dimensioni di testo Aa Aa

Accoglienza tiepida a Bruxelles per il primo ministro britannico, Theresa May, sia all'esterno che all'interno dell'edificio del Consiglio, dove i leader europei si sono incontrati per discutere della Brexit. Ma per il momento si esclude una svolta, come commenta Michel Barnier, Capo negoziatore europeo per la Brexit.

"Non siamo ancora arrivati a un accordo, la Brexit deve essere ordinata e risolvere tutti i problemi, compresa la questione irlandese, quindi abbiamo bisogno di tempo", ha affermato alla stampa.

Uno scambio di soli 30 mi nuti con i leader di 27 stati membri europei: un risultato che frustra l'ottimismo con cui Theresa May aveva iniziato queto vertice.

"Credo che un accordo sia fattibile ed ora è il momento per concluderlo", aveva affermato al suo arrivo.

Sembra che anche sulla tempistica per raggiungere un accordo sul divorzio, l'UE e il Regno Unito non abbiano la stessa opinione.

Tuttavia, c'è chi tra i leader cerca di fare dell'umorismo, come Dalia Grybauskaitė, Presidente della Lituania, che scherza sulla possibilità di ordinare una colazione inglese per il prossimo summit.

Nel frattempo, si fa realistica la prospettiva di un'estensione al periodo di transizione.

I temi del vertice, Brexit e immigrazione mettono in secondo piano quella che per l'Italia al momento è la questione piu scottante, ossia l'accoglienza della manovra di bilancio da parte della Ue. Nell'eurosummit di giovedì Conte ha intenzione di spiegare la manovra ai partner europei, sperando che possano far pressione sulla Commissione europea, che dovrà valutare il documento inviato da Roma lunedì.

Fonti vicine al governo fanno trapelare che durante il bilaterale con la cancelliera Merkel avvenuto prima dell'inizio del vertice, Conte ha trovato una sponda per avviare un dialogo positivo con l’Europa sulla manovra.

La cancelliera ha spiegato al premier italiano che in questo momento è auspicabile alimentare un clima di fiducia reciproca, condizione indispensabile per favorire il dialogo.

Conte, a sua volta, ha spiegato alla Merkel che l’esecutivo ha varato le principali riforme previste dal contratto di governo in un quadro di sostenibilità dei conti pubblici, testimoniato dal calo del debito al 126,7% del Pil nel 2021.

Poco prima dell'inizio del vertice il Commissario al bilancio Ottinger al quotidiano tedesco Der Spiegel ha affermato che "La Commissione UE respingerà la manovra dell'Italia".

Il caso Italia è abbastanza serio, si vocifera nei corridoi delle istituzioni europee, e la Commissione europea potrebbe già inviare una lettera a Roma tra giovedì e venerdì, per segnalare la violazione delle regole europee.