EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Indonesia, oltre 800 morti. Ora si temono le epidemie

Indonesia, oltre 800 morti. Ora si temono le epidemie
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Due giorni dopo il sisma e lo tsunami situazione ancora drammatica

PUBBLICITÀ

A due giorni dal sisma e dallo tsunami che hanno colpito l'isola indonesiana di Sulawesi, i soccorritori tentano di trovare persone ancora in vita sotto le macerie. Oltre 830 le vittime accertate, ma il bilancio è destinato a salire: sono ancora ampie le parti di territorio non ancora raggiunte dai soccorritori.

La situazione più grave si registra a Palu, capoluogo dell'isola, dove è arrivato il capo dello stato Joko Widodo, per rendersi conto della situazione e incontrare i 17.000 senzatetto accolti in rifugi di fortuna.

Numerosi ancora i dispersi, molti dei quali potrebbero trovarsi sotto le macerie di un grande centro commerciale e di un grande hotel. Tuttavia, il collasso dellla rete stradale seguita al sisma rende l'opera dei soccorritori molto difficile.

Le autorità temono che si possa creare un clima di anarchia: in diverse località sono state viste persone servirsi da soli alle pompe di benzina, e altre accaparrarsi beni dai negozi in macerie.

Preoccupa anche il rischio di epidemie, e per questo le vittime rinvenute a Palu, non tutte identificate, verranno seppellite in fosse comuni,.

Condividi questo articoloCommenti