ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ruanda, l'arte per dimenticare la tragedia

Lettura in corso:

Ruanda, l'arte per dimenticare la tragedia

Ruanda, l'arte per dimenticare la tragedia
Dimensioni di testo Aa Aa

Ruanda, la "terra delle mille colline"

In questo processo di ricostruzione del paese, l'arte, la musica e la danza sono diventati strumenti importanti per riprendersi dalla tragedia e dal risentimento.
E' il caso della Galleria d'Arte "Ivuka's Arts", a Kigali, la capitale del Ruanda.

"Questo centro è un incubatore creativo per i giovani che si uniscono nel nome della cultura, e si esprimono attraverso diversi mezzi d'arte", spiega Collin Sekajugo, co-fondatore di "Ivuka's Arts".

Collin Sekajugo, co-fondatore di Ivuka, in versione 360 gradi.

"La visione di Ivuka è quella di dare il benvenuto ai giovani in uno spazio, un ombrello protettivo sotto cui tutti sono i benvenuti. Indipendentemente dal loro colore, background, fede, razza, classe sociale. Allo stesso tempo, con l'arte, apprendono un lavoro, per provvedere a se stessi, alle loro famiglie e a educare i figli. E per mettere del cibo in tavola", continua Collin Sekajugo.

"Equando dai uno sguardo a tutta la galleria, puoi vedere una notevole varietà di arte, creata dagli artisti che lavorano qui con noi", dice il co-fondatore di "Ivuka's Arts".

"Ivuka's Art Center" è stata la prima galleria d'arte ad aprire a Kigali dopo il genocidio tra Hutu e Tutsi, nel 2007.
Il centro è stato inizialmente concepito per scopi di ricostruzione e di cura della comunità. Ben presto è anche diventato il terreno fertile della rinnovata scena artistica di Kigali.

Ispirati da Ivuka, altri artisti hanno aperto le loro gallerie d'arte, almeno una mezza dozzina, dedicandosi a sviluppare i talenti artistici della zona.


Grazie all'esempio del co-fondatore di Ivuka's Art, Collin Sekajugo
, nato in Uganda, ma con radici familiari in Ruanda, oggi sta fiorendo una nuova generazione di artisti contemporanei ruandesi.

Non sottovalutiamo l'importanza dell'arte e della cultura: avrà un ruolo importante nella rinascita del Ruanda, paese che porta ancora i segni del genocidio, ma che fortunatamente sta vivendo una periodo di grande ripresa economica.