Mondiali di Judo: star asiatiche dominano la sesta giornata a Baku

Mondiali di Judo: star asiatiche dominano la sesta giornata a Baku
Di Giulia Garofalo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nei -100 kg, è campione mondiale il coreano Guhem Cho che batte il georgiano Varlam Liparteliani, dopo giornate di ottime performance che lo hanno visto vincere anche contro atleti forti e preparati. Oro per la judoka giapponese Hamada, che vince nella categoria -78 kg sull'avversaria olandese.

PUBBLICITÀ

Sesta giornata per i World Championships a Baku, Azerbaijan.

Nella categoria -100 kg, il coreanoGuham Cho, due volte campione del Grand Slam, ha vinto la sua prima medaglia d'oro portando la Corea del Sud al secondo posto nel medagliere. Aveva iniziato a qualificarsi, battendo avversari forti: il francese Cyrille Maret e l’olandese Michael Korrel.

Anche il russo Niyaz Ilyasov ha ceduto in semifinale a i colpi rapidi di Cho.

Per la stessa categoria, la medaglia d'argento della finale mondiale va alla Georgia, al judoka Varlam Liparteliani.

In soli 5 minuti di tempi supplementari, il campione coreano ha gestito il georgiano per il waza-ari vincente. A premiarlo, il tesoriere della Federazione Internazionale Judo, Nasser Alt Amimi.

“Liparteliani è un atleta preparatissimo" - ha commentato Guham Cho a Euronews. "E' stato un avversario difficile, un grande professionista. Dovro' comunque sempre impegnarmi per vincere futuri combattimenti con lui.”

La Mongolia batte il Giappone sotto gli occhi di Khaltmaa Battulga, Presidente della Mongolia ed ex campione di judo.

Aaron Wolf, è detronizzato da Otgonbaatar Lkhagvasuren, incoraggiato dall’entusiasmo dei fan e delle bandiere della Mongolia in tribuna.

La vincitrice del Grand Slam di Tokyo, Shori HAMADA, segna ancora una vittoria per il Giappone a Baku nella categoria -78 kg.

Una giornata segnata dalle sue grandi abilità atletiche, da tecnica e forte resistenza che le sono valse la medaglia d'oro.

Alla semifinale del 2009, la campionessa mondiale Marhinde Verkerk perdeva contro l'Hamada in seguito a hopping o-uchi-gari che le dava l'ippon.

L'Hamada riconquista l'oro sconfiggendo un'altra judoka olandese, la numero-uno Guusje Steenhuis. Grande la soddifazione dei fan giapponesi. La Steenhuis ha preso il suo terzo shido quando è uscita dall'area di combattimento, cedendo il meritato titolo alla giapponese.

A incoronarla campionessa, il Presidente e fondatore del Taishan Group, Bian Ziliang

"È sempre stato il mio sogno vincere in uno di questi grandi eventi, come i campionati del mondo o le Olimpiadi. Quindi, questo è un momento felice per me" - ha detto la judoka Hamada - "Questa partita è il più lungo periodo di golden score che io abbia mai vissuto. Quando ho questi incontri cosi ravvicinati in corsa per l'oro, finisco spesso per perdere. Quindi, convincevo la mia mente di concentrarsi nel puntare decisamente alla vittoria."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo: altro oro per Ivanov, Bellandi sconfitta dalla tedesca Wagner

Judo, doppio oro per il paese ospitante, l'Azerbaigian

Judo: Assunta Scutto trionfa, a soli 21 anni, nel Gran Slam di Baku