ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Cheyenne salvano la pelle dei loro "fratelli" grizzly nello Yellowstone Park

Lettura in corso:

I Cheyenne salvano la pelle dei loro "fratelli" grizzly nello Yellowstone Park

I Cheyenne salvano la pelle dei loro "fratelli" grizzly nello Yellowstone Park
Dimensioni di testo Aa Aa

I 700 grizzly che vivono nel Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti occidentali sono stati risparmiati. Possono ringraziare le tribù dei nativi americani Cheyenne e Crow e il giudice che le ha ascoltate. Dana Lewis Christensen, magistrato del tribunale federale dello Stato del Montana, si è mostrata decisa con l'agenzia governativa che ha tolto gli orsi dalla lista delle specie minacciate, nel giugno 2017.

La caccia all'orso Grizzly fermata giusto in tempo

"Arbitraria e anomala", così il giudice ha descritto la decisione del Fish and Wildlife Service, responsabile della gestione della fauna selvatica, nella sua ordinanza emessa all'inizio di questa settimana. Ha persino attaccato l'organizzazione frontalmente, spiegando che non aveva proceduto con rigore scientifico, basandosi su studi validi. Già nell'agosto scorso, il tribunale era dovuto intervenire perché era prevista una caccia all'orso grizzly ai margini del parco di Yellowstone nel Wyoming e nell'Idaho.

Questo tipo di caccia non era più permesso da quarant'anni. Il magistrato federale ha sottolineato che c'era molta emozione tra gli abitanti della regione, tra i naturalisti e gli animalisti, naturalmente, ma anche tra i cacciatori responsabili.

L'orso, un "parente" agli occhi dei nativi americani

Per denunciare più in generale l'esclusione dei grizzly dalla lista delle specie in pericolo, gli indiani Crow si sono uniti alla tribù Cheyenne del Nord per portare la questione in tribunale. È stata l'ONG Earthjustice a fornire gli avvocati per difendere il caso. E hanno vinto. Prima di tutto, "Questa è una vittoria per gli orsi", ha insistito l'ONG.

"La tribù Cheyenne del Nord considera l'orso grizzly un parente che merita il nostro rispetto e la nostra protezione", ha spiegato Lawrence Killsback, il capo tribale. "È nostra responsabilità parlare per gli orsi che non possono parlare da soli", ha detto con tutta la saggezza che caratterizza i primi abitanti dell'America.