ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cosa ci fa un capodoglio arenato sul fiume Manzanares a Madrid?

Lettura in corso:

Cosa ci fa un capodoglio arenato sul fiume Manzanares a Madrid?

Cosa ci fa un capodoglio arenato sul fiume Manzanares a Madrid?
Dimensioni di testo Aa Aa

"Questa mattina un capodoglio è apparso a Madrid. Presto daremo tutte le informazioni". Con questo enigmatico tweet il Consiglio Comunale della capitale spagnola ha accompagnato questa mattina alcune immagini impressionanti di quello che sembra essere un evento surrealista: un immenso mammifero marino arenato sotto uno dei ponti del fiume Manzanares.

Si tratta di un'installazione artistica che si può visitare a Puente Segovia, nel centro della città, nel weekend del 14 e 15 settembre. La statua iper-realistica in grandezza naturale è un progetto creato da alcuni artisti belgi, il Collettivo Capitan Boomer.

"L'arenamento di una balena è sempre stato un evento magico. I villaggi tremavano e si rallegravano quando succedeva. Questo è ciò che ricostruiamo", spiegano gli artisti sul loro sito web per quanto riguarda la loro opera "Whale", che cerca anche di sensibilizzare sull'ambiente.

Dicono ancora: "La balena arenata è una gigantesca metafora dei disturbi del nostro sistema ecologico. La gente sente che il suo legame con la natura è alterato. Il gioco tra finzione e realtà rafforza questo senso di disturbo".

Comune di Madrid via Storyful

Questo collettivo ha già installato la statua in diversi luoghi in Europa, tra cui Parigi nel 2017, ma anche nel Regno Unito, in Olanda, in Germania e in Belgio.

Gli artisti sottolineano anche l'aspetto educativo del loro lavoro, che fornisce al pubblico informazioni su questa specie marina e sul perché si arena sulle spiagge.

Leggi anche: Questa è la plastica che ha ucciso una balena: è stata trovata nel suo stomaco

La mostra è completata dalla presenza di "scienziati" di un'organizzazione fittizia, la North Sea Whale Association. Gli attori prelevano campioni di organi e pelle, eseguono autopsie e dissezioni e interagiscono con i visitatori, ai quali vengono anche mostrati parassiti, denti, pelle e campioni di olio (reale) di balena.

Il collettivo assicura che i suoi interventi generano un'intensa interazione tra le folle. "Le persone parlano tra di loro, fanno supposizioni e si chiedono informazioni a vicenda".