Terrorismo online: l'UE studia multe per i social media non vigili

Terrorismo online: l'UE studia multe per i social media non vigili
Diritti d'autore 
Di Loredana Pianta
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La proposta della Commissione europea verrà presentata a settembre. Sanzioni per le compagnie che non cancellano entro un'ora i post di propaganda al terrorismo

PUBBLICITÀ

I social network fanno ancora troppo poco per combattere la propaganda del terrorismo sulle loro piattaforme. Per questo la Commissione europea sta lavorando ad una proposta che preveda sanzioni per i giganti del web che entro un'ora dalla notifica delle autorità non abbiano rimosso questo tipo di contenuti.

Ad oggi è in vigore un codice di autoregolamentazione, sottoscritto nel 2016 da Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube e voluto dall'Unione europea per combattere "forme illegali di incitamento all'odio online".

Le compagnie si sono impegnate ad esaminare in meno di 24 ore la maggior parte delle segnalazioni valide riguardanti questi post, e di cancellarli se necessario.

Tuttavia secondo la Commissione i progressi sono stati insufficienti. Per questo dopo la riforma per la gestione dei dati personali, il cui nuovo regolamento è in vigore da maggio, l'Europa si focalizza ora sui contenuti social. La proposta verrà presenta a settembre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, respinto l'appello di un uomo arrestato per l'attentato alla Crocus city hall di Mosca

Sidney, accoltellamento in Chiesa: "Estremismo religioso". Stabili le condizioni dei feriti

Nigeria: dieci anni fa il rapimento di 276 studentesse da parte di Boko Haram