ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Cipro il teatro come 2.500 anni fa

Lettura in corso:

A Cipro il teatro come 2.500 anni fa

A Cipro il teatro come 2.500 anni fa
Dimensioni di testo Aa Aa

Vivere l'esperienza del teatro come gli antichi greci. È possibile al Festival internazionale dell'antica tragedia greca di Cipro, un evento interamente sponsorizzato dal governo di Nicosia cui ogni anno più di trenta compagnie presentano domanda per poter partecipare. Quest'anno solo sei sono state selezionate, dalla Grecia, dalla Romania, dalla Georgia e dalla stessa Cipro.

Il festival si tiene lungo tutto il mese di luglio inantichi teatri romani. L'unicità dell'evento risiede proprio nell'atmosfera: assistere alla rappresentazione negli stessi luoghi dove queste pièce teatrali venivano rappresentate nel momento in cui sono state scritte, 2.500 anni fa.

"Questo festival è l'unico dove sia possibile assistere alla messa in scena di produzioni drammatiche dell'antica Grecia - si compiace Christos Georgiou, direttore del festival - . Non sono rappresentate solo tragedie antiche interpretate da compagnie cipriote, ma anche da compagnie greche e di altri paesi in tutto il mondo. Negli ultimi anni il festival è cresciuto, si è sviluppato, c'è una tendenza positiva, grazie all'aumento nel numero di spettatori ma soprattutto grazie al marchio europeo Effe, l'Europa per i Festival, i Festival per l'Europa. Questo significa che il nostro festival è ora considerato uno dei migliori festival europei".

Il teatro romano di Kourion riflette il passato multiculturale di Cipro nella stratificazione derivata dai suoi 3 mila anni di storia, una storia segnata da invasioni successive ellenistiche, arabe, assire, persiane e per finire romane.

Teatro antico per tematiche moderne. È quel che sembra voler dire la versione dell'Oreste di Euripide messa in scena dal Teatro Nazionale della Grecia del nord. O almeno, questa è l'interpretazione che ne fa il direttore artistico Yannis Anastasakis: "Questa tragedia ci offre l'opportunità di confrontarci con la realtà odierna. Il dramma riguarda la storia di Oreste ed Elettra. Siamo sei giorni dopo la morte di Clitemnestra, dopo che è stata uccisa dai suoi figli. Oreste, Elettra e Pilade agiscono in seguito a una condanna a morte. Il centro di questa tragedia è l'amore fraterno, l'amicizia e una situazione di crisi. Una società con tante responsabilità che non vuole assumersi. Sono i giovani in questa società che devono farsi giustizia da sé".

L'Oreste è il seguito dell'Elettra, sempre di Euripide. Gli storici pensano che una parte della musica sia stata scritta dallo stesso autore del dramma.

Grazie anche ad un festival come questo - e non solo per il suo mare - Cipro è sempre più considerata una meta turistica alla moda.

PER SAPERNE DI PIÙ: I SITI DA CONSULTARE

www.greekdramafest.com
www.moec.gov.cy/en/cultural_services.html
www.ccoiti.com
www.visitcyprus.com