ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Uno studio rivela le aziende più responsabili per il riscaldamento globale

Uno studio rivela le aziende più responsabili per il riscaldamento globale
Diritti d'autore  JP26JP/Pixabay
Dimensioni di testo Aa Aa

Una ricerca scientifica stima che 90 aziende nel mondo abbiano contribuito per quasi il 50% all'aumento della temperatura media globale dalla fine della Rivoluzione Industriale ad oggi.

Tradotto: una buona metà dell'inquinamento atmosferico è attribuibile a meno di un centinaio di compagnie.

Stando a quanto si legge su un articolo pubblicato dalla rivista accademica Climate Change nel settembre 2017, le emissioni riconducibili a questi 90 produttori di carboniohanno contribuito per circa "il 42-50% all'aumento della temperatura media globale" nel periodo 1880-2010.

Avrebbero una massiccia responsabilità per l'aumento della CO2 atmosferica - responsabile del riscaldamento globale - e per ll'innalzamento del livello dei mari nel mondo, scrivono gli autori dello studio.

Ottantatre di queste imprese producono carbone, petrolio e gas naturale, mentre le altre sette sono imprese produttrici di cemento.

La ricerca ha inoltre evidenziato che, tra le prime 20 imprese, 7 sono possedute da investitori e altre 7 a capitale di maggioranza pubblico.

La singola azienda che più ha contribuito all'aumento delle temperature superficiali è il gigante americano del petrolioChevron, seguito dalla saudita Aramco e dalla russa Gazprom.

Nella lista ci sono altre tre società americane: ConocoPhillips, Consol Energy e Peabody Energy, così come le britanniche BP e British Coal Corporation.

Si aggiungono all'elenco delle compagnie occidentali anche l'olandese Royal Dutch Shell, la francese Total e l'australiana BHP Billiton.

Per il Medio Oriente e il Nord Africa troviamo la National Iranian Oil Company, Kuwait Petroleum Corp., l'algerina Sonatrach e Aramco, appunto. PetroChina e Coal India, in Asia. Completano la top 20 giganti come Petroleos de Mexicanos e Petroleos de Venezuela, in America Latina.s

Gli autori dello studio hanno evidenziato come i legislatori stiano ora valutando se i produttori di combustibili fossili debbano assumersi una certa responsabilità per i danni climatici riconducibili alle loro emissioni.

Lo studio, hanno affermato, dimostra che le "emissioni riconducibili ai principali produttori di carbonio sono quantificabili e sostanziali" così come il loro legame con gli indicatori chiave dell'impatto umano sull'ambiente globale, tra cui la temperatura media superficiale globale e il livello globale del mare.

"Questi fattori, uniti a considerazioni etiche, legali e storiche, possono ulteriormente fornire informazioni per le discussioni sulle responsabilità dei produttori di carbonio nel contribuire a limitare i cambiamenti climatici attraverso investimenti nella mitigazione, nel sostegno all'adattamento e nel risarcimento dei danni climatici", hanno concluso.