EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Austria, finanziamenti illeciti esteri e violazione della legge austriaca sull'islam

Austria, finanziamenti illeciti esteri e violazione della legge austriaca sull'islam
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Società parallele, l'islam e appartenenze politiche tendenti alla radicalizzazione non hanno posto nel nostro Paese". Lo ha detto Sebastian Kurz.

PUBBLICITÀ

E' solo l'inizio in Austria. Almeno secondo le parole del cancelliere Sebastian Kurz e del ministro degli Interni Herbert Kickl, dopo aver comunicato la chiusura di 7 moschee in Austria e il provvedimento di espulsione di circa 40 imam.

"Società parallele, l'islam e appartenenze politiche tendenti alla radicalizzazione non hanno posto nel nostro Paese. E il governo federale ha come obiettivo quello di intraprendere un'azione decisiva contro questi fenomeni indesiderati che si stanno sviluppando" ha dichiarato durante una conferenza stampa il cancelliere Kurz.

L'accusa è rivolta verso i capi religiosi dell'associazione Atib, associazione culturale turco islamica, accusati di finanziamenti illeciti dall'estero e di violazione della legge austriaca sull'Islam. Il numero degli imam da espellere potrebbe salire a 60.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kurz a Bruxelles presenta la sua visione dell'Ue per il semestre austriaco

Austria: manifestazione contro l'estrema destra, che però è in testa ai sondaggi

Austria: il progetto di Vienna per dare una casa ai senzatetto