Giordania, proteste anche di notte contro l'austerity

Giordania, proteste anche di notte contro l'austerity
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Migliaia di manifestanti si sono radunati nella notte di fronte all'ufficio del premier. L'ondata di proteste, che dura ormai da una settimana, è stata scatenata dalle misure di austerity chieste dall'Fmi

PUBBLICITÀ

Si manifesta anche di notte ad Amman, capitale della Giordania, dove 33 sindacati hanno indetto uno sciopero generale contro le misure di austerity messe in agenda dal premier dimissionario Hani al-Mulki, che in questo modo intendeva ripagare i debiti contratti col Fondo monetario internazionale.

L'ondata di manifestazioni, che dura ormai da una settimana, ha già portato alle dimissioni di al-Mulki, sostituito dal Re Abdallah II con il riformista Omar al-Razzaz.

REUTERS/ Ammar Awad
scontri con la polizia di fronte agli uffici governativiREUTERS/ Ammar Awad

Il suo compito sarà rivedere la manovra del predecessore, che - includendo aumenti su beni come acqua, alimenti di base, tabacco e carburante - rischia di ridurre drasticamente il potere d'acquisto di un popolo già fiaccato dalla riduzione degli stipendi.

Nel corso della notte, migliaia di manifestanti si sono radunati di fronte agli uffici del neo-premier, scontrandosi più volte con la polizia, per protestare contro le misure d'austerity e contro un governo percepito come elitario e corrotto.

Nel 2016 la Giordania ha avuto un prestito da oltre 700 milioni di dollari dal FMI, impegnandosi in cambio a ridurre drasticamente il suo debito pubblico, portandolo entro il 2021 dal 94 al 77 per cento del Pil

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In bilico il trattato di pace tra Israele e Giordania?

Giordania: stop alla riforma fiscale

Giordania: scontri in manifestazioni contro il carovita, feriti