Cinque arresti a Ragusa: rumeni riducevano connazionali in schiavitù

Cinque arresti a Ragusa: rumeni riducevano connazionali in schiavitù
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'accusa è di caporalato, associazione a delinquere, traffico di esseri umani e sfruttamento pluriaggravato della prostituzione

PUBBLICITÀ

Cinque rumeni sono stati fermati a Ragusa per caporalato, associazione a delinquere, traffico di esseri umani e sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile.

Il provvedimento è stato emesso nell'ambito delle indagini coordinate dalla Procura distrettuale di Catania, dopo la denuncia sporta da un cittadino rumeno, attirato in Italia con l'inganno e al quale era stato promesso un lavoro. L'uomo aveva descritto una situazione disumana nella quale viveva insieme ad altri dodici connazionali: lavoro gratis nei campi e condizioni abitative precarie; le vittime venivano rinchiusa sotto chiave in casa, mangiavano cibo scaduto e le ragazze, alcune di loro minorenni, erano costrette a prostituirsi. Senza contare che chi osava ribellarsi, subiva violenze fisiche.

Video editor • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue

Commissione Ue, il possibile ritorno di Mario Draghi in Europa piace in Italia

Al via Vinitaly: oltre 4mila cantine presenti, Lollobrigida contestato