La lezione di Liliana Segre "Anch'io fui clandestina"

La lezione di Liliana Segre "Anch'io fui clandestina"
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La senatrice, sopravvissuta ad Auschwitz, contro "ogni tipo di legge speciale verso i rom", ricorda che come perseguitata è stata anche lei clandestina e richiedente asilo.

PUBBLICITÀ

Durante il dibattito sulla fiducia al governo Conte ha ricordato di essere una vecchia signora "tra le poche ancora in vita a portare sul braccio il numero di Auschwitz" e ha impartito a tutti una lezione. 

**"**Mi rifiuto di pensare che oggi la nostra civilità democratica possa essere sporcata da leggi speciali contro i popoli nomadi; se dovesse accadere mi opporrò con tutte le energie che mi restano".

Così la senatrice a vitaLiliana Segre, classe 1930, ha firmato il primo momento da annale nella storia della XVIII legislatura, replicando con la sua testimonianza di sovravvissuta all'olocausto, alla politica della ruspa della Lega verso rom e migranti irregolari.

La senatrice ha ricordato che come ebrea perseguitata dal nazifascismo è stata lei stessa una "clandestina" e una "richiedente asilo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Giorno della Memoria: Liliana Segre racconta la sua Auschwitz ai giovanissimi e a noi

Verso l'asse Salvini-Orban

Salvini dalla Sicilia: migranti,"non c'è casa e lavoro per tutti"