EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Putin: verso la quarta cerimonia di inaugurazione

Putin: verso la quarta cerimonia di inaugurazione
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sullo sfondo le manifestazioni contro il presidente organizzate dall'attivista Navalny, prima arrestato poi rilasciato. In tutto oltre 1600 le persone arrestate in tutto il paese

PUBBLICITÀ

Putin si avvia verso l'inaugurazione ufficiale del suo quarto mandato prevista questo lunedì al Cremlino. Sullo sfondo le manifestazioni contro di lui che con lo slogan "per noi non è lo zar" hanno portato a circa 1.600 fermi in 23 città del paese.

Lo stesso giorno il 7 maggio, dopo l'inaugurazione, il governo si dimetterà dai suoi poteri secondo la Costituzione e già dopo la cerimonia e il discorso del presidente potrebbe arrivare la nomina del futuro premier, con l'obiettivo di formare un nuovo esecutivo il prima possibile. Probabile la riconferma di Medvedev, anche se negli ultimi mesi sono circolati altri nomi tra cui il sindaco di Mosca.

Putin è stato rieletto il 18 marzo scorso con oltre il 76% dei voti. Alexei Navalny, l'attivista dietro alle proteste contro il giuramento di Putin è stato arrestato e poi rilasciato nelle prime ore di domenica. 

L'accusa è quella di aver organizzato un evento pubblico non autorizzato e di aver resitito alle forze dell'ordine. Non è la prima volta che l'uomo finisice in carcere per la sua opposizione al Presidente. Degli oltre 1500 fermi, almeno 700 gli arresti solo a Mosca, cortei organizzati in 90 città di tutto il paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Baltico: la revisione dei confini marittimi, "provocazione deliberata" del Cremlino

Ucraina: a Kharkiv morti e feriti, centrale nucleare di Zaporizhzhia rimasta con una linea elettrica

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica