This content is not available in your region

Espulsioni russe dalla Nato"Vi renderemo pan per focaccia"

Access to the comments Commenti
Di Simona Zecchi
euronews_icons_loading
Espulsioni russe dalla Nato"Vi renderemo pan per focaccia"

Euronews ha sentito l'ex ambasciatore della Gran Bretagna, Anatoly Adamishin, sulla espulsione di massa che sta riguardando i diplomatici russi in occidente. Adamishin, ambasciatore nel Regno Unito per la Russia dal 1994 al 1997, è convinto che Mosca prenderà le sue dovute contromisure e che si arriverà a una rottura definitiva.

Anatoly Adamishin:

"Cio' che è inedito come prima cosa a mio avviso è il fatto che la espulsione dei diplomatici venga inclusa nella nozione di sanzioni vere e proprie quando di solito tutto viene relegato nel senso economico dei termini - non vi faro' prestiti a esempio oppure non vi vendero' nulla, ecc. Rendere l'espulsione di diplolmatici una sanzione essa stessa invece (non per essere stati colti in qualche flagranza di reato) è divenuto il nuovo verbo dei Britannici. Altro fatto senza precedenti, è che questo tipo di misure è sostenuta da altri Paesi, un sostegno che è giunto proprio attraverso la espulsione dei diplomatici." (In tutto circa 140 i funzionari espulsi dall'Occidente a oggi nda.)

"La Russia risponderà pan per focaccia come si dice - aggiunge Adamishin - contro ogni misura presa. Credo possa accadere che un certo numero di Paesi andrà sempre di piu' ad aggravare la situazione, la Gran Bretagna ha già dichiarato che stanno cominciando a bloccare proprietà immobili e capitali russi, mentre gli americani stanno minacciando di rispondere ancora piu' duramente nel caso in cui i Russi risponderanno - e noi lo faremo sicuramente."

Conclude Adamishin:

"In tutti questi anni la possibilità che potesse scoppiare uno scontro a livello militare era considerato del tutto impensabile, ora i timori che questo possa accadere è reale a causa prorpio di questa tensione scaturita da alcuni fatti -  una scintilla che ha fatto scoppiare tutto -  potremmo trovarci di fronte a delle conseguenze spiacevoli e inoltre questa volta non si aprirebbe alcuna opportunità di tipo diplomatico"