La tregua umanitaria in Siria per salvare Ghuta

La tregua umanitaria in Siria per salvare Ghuta
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Onu, Usa e Europa chiedono un'applicazione immediata della risoluzione del Consiglio di Sicurezza per una tregua di 30 giorni in tutta la Siria, il presidente russo Vladimir Putin propone invece "pause umanitarie" di non più di cinque ore al giorno per permettere di lasciare al città

PUBBLICITÀ

È questione di ore l'entrata in vigore della pausa umanitaria, come proposta da Mosca, a Ghuta, sobborgo orientale di Damasco.

La tregua, che dovrebbe durare 5 ore al giorno, ha come scopo l’evacuazione dei civili e il trasporto di viveri e medicinali per la popolazione, Mosca vorrebbe stabilire un "corridoio di evacuazione" che consenta alle persone di partire.

Non è stato tuttavia menzionato il fatto di consentire l'ingresso di aiuti umanitari nel territorio, controllato dai ribelli siriani, dove vivono 400.000 persone.

Più di 560 persone sono state uccise negli ultimi otto giorni secondo un gruppo di monitoraggio.

L'Onu ha ribadito la piena attuazione di una risoluzione del Consiglio di sicurezza che richiede un cessate il fuoco di 30 giorni in tutto il paese.

 La Croce Rossa ha accolto favorevolmente la nuova mediazione della Russia, ma afferma che è necessario che i convogli umanitari si trasferiscano con medicine, forniture mediche e materiali per la purificazione dell'acqua.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bombardamenti in Siria e Iraq: più di 5mila le vittime civili non conteggiate

Haiti, l'allarme del Pam: in corso la peggiore crisi alimentare dal 2010

La Repubblica serba di Bosnia contro la proposta all'Onu di Sarajevo: una giornata per Srebrenica