EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Siria: miliziani pro-Assad sono entrati ad Afrin

Siria: miliziani pro-Assad sono entrati ad Afrin
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un convoglio di forze filo-governative siriane è entrato ad Afrin. La roccaforte curda nel nord della Siria al confine con la Turchia è da circa un mese oggetto di un'offensiva dell'esercito di Ankara.

PUBBLICITÀ

Non si attenua lo scontro tra Damasco e Ankara su Afrin. Un convoglio di circa 50 mezzi con a bordo miliziani filo-governativi siriani è riuscito a entrare nella roccaforte curda al confine con la Turchia.

I militari hanno festeggiato cantando slogan inneggianti all'unità del popolo siriano. Ad attenderli, sulla porta d'ingresso della città, è apparso un cartello di benvenuto. Martedì l'artiglieria turca aveva risposto bombardando i militari siriani in avvicinamento che in un primo momento si erano ritirati di qualche km.

"Siamo arrivati ad Afrin per aiutare e sostenere i nostri fratelli" ha detto il comandante delle forze pro-Assad "Come potete vedere siamo proprio nel cuore di Afrin, siamo in tanti e resteremo qui fino a quando l'occupante turco non sarà cacciato via".

Per le strade di Afrin sono apparsi anche manifesti che ritraggono Abdullah Ocalan il leader storico del PKK, il partito dei lavoratori curdi che la Turchia considera un'organizzazione terroristica.

Intanto il presidente turco Erdogan ha incontrato ad Ankara il capo di stato macedone Ivanov per discutere delle relazioni bilaterali tra i due paesi.

Un portavoce del governo di Ankara ha invece lanciato un avvertimento alle forze siriane. "Ci saranno gravi conseguenze, i miliziani siriani saranno considerati obbiettivi legittimi".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La situazione in Afrin disorienta la comunità internazionale

Siria: autobomba esplode in un mercato, morti e feriti

Siria, attacco russo uccide almeno otto jihadisti