ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Un cinema di Mosca sfida la censura proiettando la commedia su Stalin

Un cinema di Mosca sfida la censura proiettando la commedia su Stalin
Dimensioni di testo Aa Aa

Un cinema di Mosca, il Pioner, ha deciso di sfidare il divieto della autorità russe proiettando il film 'Morto Stalin, se ne fa un altro', commedia satirica del regista scozzese Armando Iannucci. Funzionari e politici l'hanno definito "offensivo ed estremista".

"Non è un film divertente, per nulla. La gente rideva ma per me non c'era niente da ridere, perché quello che si vede sullo schermo è più o meno quello che è successo veramente. E' una vergogna che l'abbiano censurato", ha detto una spettatrice all'uscita dalla sala.

Un parere che ricalca in parte le parole dal regista. "I russi che l'hanno visto - ha dichiarato Iannucci - hanno detto che il film è vero e divertente. Perciò sono ancora fiducioso di poterlo distribuire nei cinema".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.