ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Battaglia legale sui militari turchi riparati in Grecia

Lettura in corso:

Battaglia legale sui militari turchi riparati in Grecia

Battaglia legale sui militari turchi riparati in Grecia
Dimensioni di testo Aa Aa

La giustizia ellenica accoglie la richiesta governativa di congelare temporaneamente la concessione dell'asilo politico a uno degli otto militari turchi fuggiti in Grecia dopo il tentativo di golpe del 2016.

Il militare in questione è stato inoltre arrestato dalla polizia greca quando si è recato presso gli uffici del servizio di asilo ad Atene. Non è chiaro il motivo del suo arresto immeditamente contestato dagli avvocati.

Gli 8 militari turchi, legalmente rappresentati dal Consiglio Greco dei Rifugiati, hanno organizzato un incontro stampa per denunciare la detenzione illegale del loro collega.

Vasilis Papadopoulos, avvocato del Consiglio Greco dei Rifugiati: «Era un uomo libero, liberamente è entrato negli uffici del Consiglio per i rifugiati. All'uscita è stato arrestato dalla polizia. Noi pensavamo che fossero qui per proteggerlo ma all'improvviso è stato fermato e messo in stato di detenzione. E' una cosa illegale. Noi diciamo che questo è contro la legge...certo che siamo sorpresi, è inaudito".

Gli avvocati sostengono che una cosa simile non era mai accaduta e hanno chiesto il suo immediato rilascio. Non era mai avvenuto che qualcuno già in possesso dello status di rifugiato venisse arrestato.

Apostolos Staikos, euronews:  "Ankara reclama l'estradizione immediata degli 8 militari turchi e Atene risponde che la legge viene pienamente rispettata. Ma adesso i sostenitori della difesa degli 8 rifugiati parlano di atti arbitrari e senza precedenti compiuti dallo Stato greco".