EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

India e Pakistan confermano accordo non aggressione ai siti nucleari

India e Pakistan confermano accordo non aggressione ai siti nucleari
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I due paesi si scambiano ogni anno l'elenco degli impianti nucleari protetti

PUBBLICITÀ

India e Pakistan si sono scambiate le liste delle installazioni e delle strutture nucleari coperte dall'Accordo bilaterale sulla proibizione degli attacchi contro di esse, risalenti al 1991.

I due Paesi si scambiano da 27 anni ogni anno l'elenco degli impianti nucleari protetti. Fin dalla spartizione dei territori avvenuta nel 1947 (con la fine della colonizzazione britannica), India e Pakistan vivono in un clima di relativa tensione (a causa della situazione del Kashmir). Questo preoccupa la comunità internazionale perchè entrambe le nazioni dispongono di più di un centinaio di ogive a testa.

Il Pakistan potrebbe in pochi anni diventare il terzo paese nella lista delle potenze atomiche con un totale di circa 350 testate nucleari.

La loro è da decenni una pace armata ma si è lontani da quel 1998 in cui entrambe le nazioni si esibirono in una dimostrazione di forza con cinque esplosioni nucleari in India l’11 maggio seguite da altrettante in Pakistan il 28 e da una sesta il 30.

 Il confronto fortunatamente era rientrato, scongiurando uno scontro fra due colossi la cui vicinanza in realtà rende comico il ricorso a un'arma il cui fall out non puo' che ricadere sul territorio dell'aggressore.

Si diceva che Delhi poteva colpire le centrali pachistane in 3 minuti, mentre i tempi della reazione pachistana erano di 8 minuti. Un divario che oggi è stato probabilmente colmato.

Le tensioni tra i due Paesi, al di là delle guerre (1947-1965-1971) o degli “incidenti” (Kargil 1999), non sono mai mancate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in India: aperta la quarta tornata, al voto 170 milioni di persone: urne aperte in Kashmir

Proteste degli agricoltori in India, scontri con la polizia alle porte di Nuova Delhi

India: Modi inaugura il controverso tempio indù sulle rovine di una moschea