Medio Oriente: ancora scontri ma niente Intifada

Medio Oriente: ancora scontri ma niente Intifada
Diritti d'autore Foto: REUTERS/Goran Tomasevic
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si affievolisce senza spegnersi l'incendio appiccato nel mondo arabo dall'unilaterale riconoscimento USA di Gerusalemme come capitale dello Stato d'Israele

PUBBLICITÀ

Betlemme, Gaza, Ramallah. Non accenna a spegnersi l'incendio appiccato dall'unilaterale riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello Stato di Israele, da parte di Donald Trump. Pur lontani dalla "nuova intifada" a cui aveva fatto appello il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, scontri fra manifestanti e forze dell'ordine sono proseguiti per il quarto giorno consecutivo, portando a ormai quattro morti e oltre 1.000 feriti il bilancio stilato da fonti palestinesi.

"Gerusalemme è araba e capitale dello Stato palestinese" lo striscione al quale da Nablus, in Cisgiordania, i manifestanti hanno affidato la loro indiretta replica a Netanyahu, che dalla Francia ha equiparato il suo status a quello di Parigi.

Già oggetto negli scorsi giorni di tiri con cui Israele sostiene di aver replicato a un lancio di razzi sul suo territorio, la Striscia di Gaza è stata di nuovo teatro di tensioni e attacchi. Domenica, l'annuncio di Tsahal, di aver qui distrutto un nuovo tunnel sotterraneo imputato ad Hamas. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Medio Oriente, scontri in Cisgiordania

Segretario Onu: a Gaza 196 operatori umanitari uccisi, "è inconcepibile", l'Idf si scusa

Pasqua: il Papa legge l'omelia alla veglia, misure di sicurezza rafforzate in Italia e Francia