EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

L'urgente bisogno di aiuto dei bambini Rohingya nel Bangladesh

L'urgente bisogno di aiuto dei bambini Rohingya nel Bangladesh
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tre ogni cinque Rohingya nel Bangladesh sono bambini. Nei campi la situazione è preoccupante: malnutrizione e scarse condizioni igieniche rischiano di scatenare gravi malattie.

PUBBLICITÀ

Fornire cibo, medicine e istruzione ai bambini Rohingya rifugiati nel Bangladesh è diventato un compito sempre più urgente.
A Cox’s Bazar i profughi formano lunghe fila in attesa della distribuzione gestita dalle agenzie umanitarie senza la garanzia di ricevere cibo e altro vista l’entità del fenomeno.

Nel Bangladesh vivono 800.000 Rohingya, tre ogni cinque sono bambini. Circa un migliaio di famiglie accoglierebbe minori non accompagnati i cui genitori sono stati uccisi o sono scomparsi durante il tragitto. Nei campi c‘è il rischio di gravi malattie a causa della malnutrizione e delle scarse condizioni igieniche.

“È una specie di bomba a orologeria che potrebbe esplodere in qualsiasi momento, rischiamo un’altra emergenza oltre a quella in corso” dice Sakil Faizullah, portavoce Unicef.

Sull’eventuale rientro dei Rohingya nel Myanmar la leader birmana Aung San Suu Kyi ha detto di augurarsi la stesura di un “memorandum d’intesa” nel corso dei colloqui di questa settimana con le autorità del Bangladesh.

Un nuovo rapporto di amnesty international denuncia un “sistema di discriminazione” contro i Rohingya in Myanmar “avallato dallo Stato e paragonabile all’apartheid”.

The #Rohingya live under an apartheid regime in #Myanmar. Without grasping and confronting that fact, there can be no chance of setting things right after the horrific ethnic cleansing they’ve endured https://t.co/aj7UX11206pic.twitter.com/1e1SNcnozl

— David Griffiths (@dlgriffiths) 21 novembre 2017

Condividi questo articoloCommenti