EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Liberata Rawa, ultimo bastione dell'Isis in Iraq

Liberata Rawa, ultimo bastione dell'Isis in Iraq
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo ha annunciato il Comando per le operazioni congiunte. Dall'altra parte del confine l'esercito siriano ha lanciato l'offensiva per riprendere Al-Bukamal

PUBBLICITÀ

Cade l’ultimo bastione dell’Isis in Iraq. Questo venerdì le truppe irachene hanno riconquistato Rawa, città nella provincia di Anbar, al confine con la Siria.

Il Comando per le operazioni congiunte iracheno ha comunicato che il blitz per riprendere la città è cominciato all’alba e si è concluso nel giro di poche ore.

La caduta di Rawa apre una nuova fase nella guerra all’autoproclamato Stato Islamico.

“Rawa è stata riconquistata ma dopo questa battaglia la guerra diventerà qualcosa di diverso – è l’opinione di Fadhil Abu Raghef, esperto militare -. Cambierà forma ed andrà avanti per un lungo periodo. Si trasformerà in una guerriglia nel deserto e in aree montuose. Una zona vasta e geograficamente complicata”.

Dall’altra parte del confine le truppe siriane hanno lanciato l’offensiva per riprendere Al-Bukamal, ultimo bastione dell’Isis nel paese. Stando all’agenzia di stampa governativa le forze aeree siriane hanno tagliato i collegamenti con la città con pesanti bombardamenti, distruggendo armamenti e uccidendo almeno sei miliziani.

Al-Bukamal era già stata riconquistata una prima volta lo scorso 8 novembre, ma qualche giorno dopo una controffensiva dell’Isis aveva costretto l’esercito siriano a lasciare la città.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come e perché si diventa soldati dello Stato Islamico (i cui servizi di sicurezza sono ancora vivi e vegeti)

Russia, sequestro di guardie in un carcere a Rostov: uccisi detenuti dell'Isis da forze speciali

Arrestato a Roma un uomo affiliato all'Isis: usava diverse identità per sfuggire alla cattura