EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un palloncino a tutela del vino e del territorio

Un palloncino a tutela del vino e del territorio
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Piemonte un gruppo di ricercatori ha messo a punto un sistema in grado di monitorare dall’alto la condizione di salute delle viti ed evitare l’utilizzo di sostanze sintetizzate chimicamente

PUBBLICITÀ

Un palloncino come alleato per la produzione di buon vino nel rispetto della natura. In Piemonte un gruppo di ricercatori ha messo a punto un sistema in grado di monitorare dall’alto la condizione di salute di distesi campi di viti per salvaguardare il terriorio ed evitare l’utilizzo di sostanze sintetizzate chimicamente, quali pesticidi e fitofarmaci. Un raccoglitore di dati è posizionato su un palloncino e come un’antenna riceve le informazioni inviate dai sensori posizionati sui campi.

“Noi in linea di principio abbiamo dimostrato che il raggio di compertura del palloncino è di 50 chilometri, questo significa che per coprire l’intero territorio del Piemonte, una vera e propria regione produttrice di vino perché viene prodotto ovunque, occorrono non oltre 10 palloncini”, spiega il professore Daniele Trinchero, Professore, dell’Università Politecnico di Torino, dipartimento Elettronica e Comunicazioni.

I sensori sui campi raccolgono informazioni come la temperatura e le grandezze fisiche e li inviano al raccoglitore. Un sistema che permette ai produttori di vino di monitorare a distanza e mettere in campo misure preventive e non inquinanti:

“Questo sistema permette di arrivare quasi a fare un vino biologico, perchè quando sai quello che devi fare con successo è tutto più facile”, dice Federico Bonino, produttore di vino.

Questa prova del palloncino è quella che piace agli amanti del buon vino e della tutela del territorio.

Condividi questo articoloCommenti