Argentina: dov'è finito Santiago Maldonado?

Argentina: dov'è finito Santiago Maldonado?
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Migliaia in piazza a Buenos Aires per chiedere che venga fatta luce sulla scomparsa del giovane attivista

PUBBLICITÀ

In migliaia sono tornati in Plaza de Mayo a Buenos Aires per chiedere alle autorità argentine risposte sulla scomparsa di Santiago Maldonado, il ventottenne di cui non si sa più nulla da due mesi.

Il giovane è stato visto per l’ultima volta il primo agosto, mentre partecipava a una protesta del popolo Mapuche contro il gruppo Benetton, che in Patagonia detiene 900mila ettari di terre per un valore di 50 milioni di dollari, acquistate nel 1991. Un’acquisizione che gli indigeni araucani, che vivono nella zona da tempi immemorabili, contestano.

“Voglio chiedere – ha detto Sergio Maldonado, fratello di Santiago, davanti a una piazza gremita – a quelli che guidano il nostro Paese, al presidente Mauricio Macri e ai suoi ministri, voglio chiedere loro dov‘è Santiago Maldonado?”

Secondo alcuni testimoni il giovane sarebbe stato portato via dalla Gendarmeria Nacional, forza armata direttamente agli ordini del Ministero della Sicurezza del Governo, a El Bolsón, vicino a Bariloche, nella provincia di Rio Negro. In Argentina la vicenda di Maldonando sta risvegliando gli antichi fantasmi delle sparizioni forzate, dei 30mila desaparecidos durante la dittatura militare e sta scuotendo la coscienza della società civile.

How Profit Deals With Protest: The Disappearance Of Argentinian Activist Santiago Maldonado. via walzerscent</a>. <a href="https://t.co/BZiW14Y3Ei">https://t.co/BZiW14Y3Ei</a></p>— M.I.L (ukmapuche) 23 settembre 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina, la discarica di bare e resti umani non identificati a La Plata

Argentina: proteste contro le riforme di Milei, scontri davanti al parlamento di Buenos Aires

Argentina: primo sciopero generale contro Milei e le sue politiche radicali