EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Amatrice: "Noi, sei ore sotto le macerie mano nella mano"

Amatrice: "Noi, sei ore sotto le macerie mano nella mano"
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La storia di due coniugi salvati da due poliziotti dopo la scossa del 24 agosto 2016

PUBBLICITÀ

Giuseppe Leopardi, pensionato di Amatrice la notte del 24 agosto 2016 è rimasto con la moglie Rita sotto il peso delle macerie della sua casa per sei ore. Il terremoto li ha sorpresi a letto. Li hanno salvati due poliziotti, Bruno e Cristiano, scavando a mani nude.
Giuseppe Leopardi: “Di quella notte ricordo bene tante cose: sono stato svegliato dal rumore del terremoto. Io sentivo cadere intonaci, sassi. Avevo un masso sulla pancia sicuramente di 30 chili.
Cristiano, poliziotto: “La cosa che mi rendeva difficile il soccorso era la presenza di una tavola obliqua all’altezza della giugulare, del collo”. Giuseppe Leopardi: “Senza casco, con le mani nude, io vedevo Cristiano che si era introdotto alla mia sinistra dopo avergli detto: ‘guarda sono qua’ “.
Così Giuseppe è stato il primo a uscire dalla macerie; poi è stata la volta della moglie Rita, viva per un soffio…
Cristiano, poliziotto: “Ho spinto con tutta la forza che avevo contro questa rete sollevando di poco, quello che serviva, i detriti. Bruno (l’altro poliziotto) ha preso Rita per le spalle, appena lei è uscita io mi sono tolto e vi posso assicurare che è crollato tutto”.

Condividi questo articoloCommenti