Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Incendi: Italia maglia nera europea 2017, Sicilia in primis

Incendi: Italia maglia nera europea 2017, Sicilia in primis
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono quasi 40 gli incendi attivi in tutta la Sicilia, con le province di Palermo, Enna e Messina tra le più interessate. Ma a colpire sono in particolare le immagini di Agrigento, con il sito archeologico della Valle dei Templi minacciato dalle fiamme. E a Ragusa a finire in manette sono addirittura quindici vigili del fuoco, lavoratori ausiliari indagati per truffa e sospettati di appiccare gli incendi per poi intervenire intascando il compenso previsto di dieci euro all’ora.

L’inchiesta della procura di Ragusa è partita proprio dopo la segnalazione del Comando dei Vigili del Fuoco che avevano constatato un’anomalo sovraccarico di ore di lavoro. I fatti risalgono al periodo 2013-2015. La truffa da parte degli indagati avveniva secondo 3 differenti modalità: la prima consisteva nel simulare gli interventi sulla base di segnalazioni fasulle alla centrale operativa del 115. Nel secondo caso gli indagati ricorrevano a parenti ed amici che effettuavano segnalazioni inesistenti. Infine la modalità di truffa più grave era quella di appiccare effettivamente le fiamme a cassonetti dell’immondizia o a terreni.

Antonino Morabito, autore del rapporto 2017 di Legambiente sugli incendi: “Le motivazioni sono le più tradizionali dell’area rurale meditarranea cioè quella pastorale ossia il rinnovo del pascolo per gli animali. A queste si aggiungono anche motivazioni proprio fraudolente come incarichi per lavori di tipo forestale che non vengono ben eseguiti quindi appiccare il fuoco è un modo per eliminare ogni traccia, ogni prova del lavoro mal eseguito. La possibilità di rinnovare degli incarichi di lavoro temporaneo per cui la motivazione dell’incendio è una motivazione dell’incarico come purtroppo tristemente avvenuto anche in questi ultimi giorni” spiega Morabito.

Una situazione, quella della Sicilia, che rappresenta bene il danno a livello nazionale: l’Italia ha già guadagnato il triste primato di Paese europeo interessato dal maggior numero di incendi in termini assoluti nel 2017 con 371 roghi boschivi e la seconda più vasta superfice bruciata dopo il Portogallo con 72.039 ettari andati in fumo (115.323 ettari per il Portogallo).