Polonia: sì della camera bassa alla riforma della Corte Suprema

Polonia: sì della camera bassa alla riforma della Corte Suprema
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

I deputati polacchi hanno approvato la controversa legge sulla Corte Suprema, nonostante la minaccia di sanzioni pronunciata dalla Commissione Europea. L’opposizione grida al “colpo di Stato” e sostiene che venga erosa l’indipendenza della giustizia e venga minacciata la democrazia.

Il testo, che molto probabilmente sarà approvato dal Senato e firmato dal capo dello Stato, rischia di “marginalizzare la Polonia in Europa”, ha commentato il presidente del consiglio europeo Donald Tusk.

Mercoledì il vice-presidente della Commissione Frans Timmermans aveva minacciato il governo conservatore, guidato dal partito diritto e giustizia, di attivare l’articolo 7 del trattato dell’Unione Europea ossia l’applicazione di sanzioni come la sospensione del diritto di voto della Polonia nelle riunioni comunitarie.

Given the latest developments, we are getting very close to triggering article 7

— Frans Timmermans (@TimmermansEU) 19 juillet 2017

La riforma, che prevede il pensionamento di tutti i giudici della corte suprema tranne quelli che il ministro della Giustizia intende lasciare in funzione, ha suscitato proteste di piazza: in migliaia giovedì notte si sono riuniti all’esterno del parlamento gridando “rovesceremo la dittatura” e “libertà per i tribunali”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia: una riforma della Giustizia che infiamma il Paese

Polonia, pro vita in marcia contro l'estensione del diritto all'aborto proposta dal governo

Amministrative in Polonia: agli exit poll tiene la Coalizione Civica ma è PiS il primo partito