EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mosul: assedio finale nella città vecchia

Mosul: assedio finale nella città vecchia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Momenti cruciali dell battaglia delle truppe governative irachene nel quartiere dove si sono asserragliati i combattenti dello Stato Islamico

PUBBLICITÀ

E’ nella città vecchia di Mosul che nelle ultime ore continua la battaglia per la conquista della città da parte delle truppe governative irachene, dove si sono asserragliati i combattenti dello Stato Islamico. Dopo otto mesi dall’inizio delle operazioni militari per espugnare la seconda città del Califfato, è qui che va in scena l’assedio finale.

L’obiettivo, una corsa contro il tempo, riuscire a neutralizzare le postazioni nemiche, prima del 26 di giugno, la festività mussulmana di Eid ul-Fitr.Pochi giorni fa i jihadisti dello Stato Islamico hanno fatto saltare in aria la moschea di Al Nuri, dove nel 2014 il loro leader Abu bakr al Baghdadi aveva annunciato la creazione del Califfato.

Iraqi forces battle toward heart of Mosul’s Old City https://t.co/3FneVdxe40pic.twitter.com/EjQbm1FAV4

— Reuters Top News (@Reuters) 23 giugno 2017

In queste ore si continua a speculare sulla sua morte. Si fa strada l’ipotesi che Baghdadi sia stato ucciso durante un raid delle forze russe in Siria, nella zona di Raqqa. A confermarlo il ministero della Difesa russo, anche se l’Osservatorio siriano smentisce. Nell’ultime ore, intanto è aumentato il numero degli sfollati che hanno abbandonato la città vecchia di Mosul, raggiungendo quota 10 mila persone .

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: nel Donetsk ordinata l'evacuazione dei bambini, la Russia avanza su Chasiv Yar

Drone israeliano su Cisgiordania, nove morti a Jenin. Uccisi due giornalisti in un raid a Rafah

Cisgiordania, droni israeliani fanno sei morti nel campo profughi di Nour Shams