Blogger russo condannato. La colpa? Giocare a pokemon go in chiesa

Blogger russo condannato. La colpa? Giocare a pokemon go in chiesa
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La sentenza: 3 anni e mezzo di carcere con sospensione della pena. Il video del gioco in chiesa era diventato virale. Domiciliari prima del verdetto

PUBBLICITÀ

Ha rischiato fino a 5 anni di prigione per incitamento all’odio e offesa della sensibilità religiosa, alla fine se l‘è cavata con una condanna a 3 anni e mezzo con sospensione della pena. Protagonista un blogger russo di 22 anni,Ruslan Sokolovski. La sua colpa? Aver giocato a Pokemon go in una chiesa di una cittadina degli Urali, Yekaterinburg.

Il suo calvario è iniziato l’anno scorso quando ha pubblicato un video diventato virale: titolo ‘cercando pokemon in chiesa’; tra i commenti ‘Gesù è il pokemon più raro, non riesco a catturarlo’.
In attesa della sentenza il ragazzo ha passato anche qualche mese ai domiciliari e in un centro per persone in attesa di processo mentre ong internazionali e tanti russi si schieravano dalla sua parte. Questo giovedì dopo il verdetto, il giovane ha ringraziato tutti e fatto sapere che comunque non giocherà più a pokemon go: “ormai è fuori moda!”- ha detto

Qui sotto il video virale

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Autorità mettono in guardia contro il Kiki challenge dopo serie di incidenti

Russia: uccisi due terroristi che organizzavano attacchi

Inondazioni in Russia, proteste dei cittadini a Orsk: chiesto un risarcimento per i danni