Sally Yates aveva avvertito Trump dei rapporti tra Flynn e la Russia

Sally Yates aveva avvertito Trump dei rapporti tra Flynn e la Russia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex-Attorney General ha deposto in Commissione Senato sul caso del consigliere alla sicurezza rimosso in febbraio

PUBBLICITÀ

L’amministrazione Trump era stata avvertita del fatto che il Generale Flynn era ricattabile. Lo ha detto Sally Yates, ex-Attorney General ad interim che ha testimoniato davanti alla Commissione del Senato americano in merito alle comunicazioni tra il consigliere alla sicurezza Michael Flynn e l’ambasciatore russo negli Stati Uniti.

“Il nostro timore era che si mentisse agli americani su quanto accadeva realmente e su quel che faceva il Generale Flynn” ha dichiarato Yates davanti alla Commissione del Senato. “Inoltre non eravamo noi gli unici ad essere al corrente di tutto questo. Anche i russi sapevano che il Generale Flynn aveva mentito al Vice presidente Mike Pence e ad altri. E questo costituiva un problema perché non soltanto eravamo certi che lo sapessero i russi ma anche che verosimilmente ne avessero le prove”.

Nonostante la segnalazione da parte dell’Attorney General, Trump lasciò trascorrere altri 18 giorni prima di rimuovere Flynn dall’incarico che anche l’ex-Presidente Barack Obama aveva sconsigliato di affidargli. Le discussioni con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak riguardo alle sanzioni americane portarono alle dimissioni di Flynn, il 13 febbraio, solo dopo che le sue false affermazioni erano divenute pubbliche.

Sally Yates says she warned White House that Michael Flynn could be 'blackmailed' by Russians. https://t.co/BmTJfc5fsupic.twitter.com/Bwk3i0l6jS

— ABC News (@ABC) 9 maggio 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca

Usa, processo a Donald Trump per il caso Stormy Daniels, il tycoon: "Un attacco all'America"