360°: i cacciatori di valanghe

360°: i cacciatori di valanghe
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come operano i componenti delle pattuglie del soccorso alpino francese per eliminare i rischi di valanghe dalle piste da sci

PUBBLICITÀ

La stagione delle valanghe si è estesa anche per via del cambiamento climatico ma la primavera è sicuramente un momento ad alto rischio. Euronews è andata a vedere sulle Alpi francesi a Courchevel come si cerca di rendere il paesaggio piu’ sicuro.

A #Courchevel pour tourner un reportage #360° pour #euronews Bientôt sur nos supports numériques #vr#MontBlancpic.twitter.com/AwHVJby6yL

— Vincent_Coste_EN(@Vincent_Coste_E) 3 marzo2017 Le pattuglie del soccorso alpino fanno brillare sui pendii pieni di neve le loro cariche prima dell’arrivo degli sciatori in modo da eliminare i possibili rischi. Gli esplosivi sono custoditi in arsenali segreti ad altissima sicurezza.

https://t.co/hBHqrFap0Q Avalanche in French Alps Kills 4 Snowboarders #avalanche#french#alps#Snowboarders#Paris#Courchevel#ski#Policepic.twitter.com/LngQLqbBhX

— Fromua.news (@fromua_news) 13 febbraio 2017

La dinamite non è l’unico modo per attivare una valanga. Le pattuglie possono anche innescare le slavine sciando sui loro bordi superiori, nelle aree sensibili. Gli sciatori sono equipaggiati con dispositivi come rilevatori di vittime delle valanghe ed airbag da valanga.

Le squadre di Courchevel possono anche usare un sistema fisso di tubi di gas collocati nelle zone piu’ a rischio ma molto difficili da raggiungere.

Azionato da una sala operativa nella parte inferiore della stazione, una scintilla provoca una potente detonazione all’estremità dei tubi cosa che a sua volta genera la valanga.

Molti membri delle squadre di Courchevel sono esperti di esplosivi, altri come François sono gli addestratori dei cani da valanga. I cani sono addestrati fin da cuccioli e diventano pienamenti operativi sui due anni.

Dopo le operazioni preliminari l’equipe si riunisce per il debriefing. Una volta che tutto è stato controllato si puo’ dare “luce verde” per l’apertura delle piste.
Pochi istanti dopo i primi sciatori saltano già sugli impianti e inizia il divertimento.

Courchevel è fra le più antiche stazioni sciisitiche francesi. L’anno scorso ha celebrato il suo 70° compleanno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

VIDEO - Mai così alta l'allerta valanghe in Svizzera in questo millennio

Sci a Courchevel: allenatori italiani accusati dai francesi di non pagare le tasse

Austria: l'inverno senza neve nelle stazioni sciistiche di Salisburgo, troppo caldo