Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Deposito Globale per le sementi delle Svalbard, in Norvegia

Il Deposito Globale per le sementi delle Svalbard, in Norvegia
Dimensioni di testo Aa Aa

Preservare la diversità delle colture, e forse anche il futuro della vita sulla terra. Questo è quel che accade nel paesaggio più arido al mondo, il circolo polare artico.

Una costruzione in calcestruzzo spunta da un paesaggio ghiacciato, a due passi dal Polo Nord. Siamo sull’isola di Spitsbergen, nell’arcipelago delle Svalbard, in Norvegia e questo è il punto da cui si accede al Deposito Globale per le sementi, dove vengono conservati tutti i campioni. Una diversità genetica necessaria alla sopravvivenza umana.

Il Seed Vault è gestito attraverso un accordo fatto tra il governo norvegese, il Global Crop Diversity Trust e il Nordic Genetic Resource Center.

Per accedere alla struttura, inaugurata nel 2008, occorre oltrepassare cinque porte di acciaio di incredibile spessore. Situato a 130 metri sopra il livello del mare, il deposito è in grado di resistere a una guerra nucleare o a un incidente aereo.

Le sementi sono stoccate in una stanza, denominata la Cattedrale, a -18 gradi centigradi. Nel caso in cui venisse a mancare l’elettricità, grazie al permafrost, occorrerebbero decine di anni perché la temperatura tornasse allo zero.

“Abbiamo casse in legno – racconta il coordinatore Asmund Asdal – provenienti da Tajikistan, Armenia, Azerbaijan. Queste provengono dalla Colombia. Qui il Portogallo e la Costarica. Questa dallo Zambia, qui l’Ucraina, E qui dal centro internazionale delle patate in Peru. Qui abbiamo sementi della Corea del Nord e dall’altra parte dalla Corea del Sud. Qui tutti i Paesi cooperano alla grande missione di conservare le sementi. Possono non essere i migliori amici, fuori di qui, ma in questo posto tutti i Paesi cooperano”.

Questo luogo si è guadagnato il soprannome di volta del giudizio universale, perché è nato per preservare la diversità agricola anche nel peggior scenario immaginabile.

Nel 2015 il deposito di Aleppo, in Siria, è stato chiuso dopo che la guerra l’aveva reso inaccessibile. ICARDA, il centro internazionale per le ricerche sulla agricoltura nelle zone aride, ha duplicato i campioni della banca di Aleppo e nel febbraio di quest’anno, i suoi esperti hanno depositato ben 15.000 campioni, una sorta di backup del backup.

Il deposito alle Svalbard è una sorta di polizza assicurativa globale per garantire ricchezza genetica alla produzione agricola del futuro.