EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Trump non chiude la porta agli iracheni

Trump non chiude la porta agli iracheni
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente americano ha firmato il secondo decreto anti-immigrazione e non c'è l'Iraq

PUBBLICITÀ

Donald Trump ha firmato la seconda versione del suo decreto anti immigrazione. L’Iraq esce dalla lista. Le autorità di Baghdad si dicono sollevate per il riconoscimento dell’alleanza strategica con Washington.

Il nuovo ordine esecutivo che il capo della Casa bianca ha voluto, in funzione anti-terrorismo, vieta l’arrivo negli Stati uniti dei cittadini di sei paesi a maggioranza mussulmana, gli stessi dell’altro volta escluso l’Iraq, ossia l’Iran, lo Yemen, Il Sudan, la Siria, la Libia e la Somalia.

Chiunque abbia ottenuto una green card per stabilirsi negli Stati uniti o i possessori di regolare visto potranno comunque entrare. Questa sembra la principale differenza fra la nuova versione e la prima, che era stata bocciata dalla giustizia.

L’ordine esecutivo entra in vigore il 16 marzo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Muslim Ban", bocciato il ricorso. Trump annuncia: "Ci vediamo in tribunale"

Da tutto il mondo meno viaggi verso gli Usa durante l'applicazione del bando anti-migranti

Stati Uniti: Donald Trump contestato alla convention del Partito Libertario