Israele. Netanyahu criticato per la gestione della guerra a Gaza nel 2014

Israele. Netanyahu criticato per la gestione della guerra a Gaza nel 2014
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un rapporto del Controllore dello Stato Yosef Shapira evidenzia falle ed errori dell'offensiva militare contro Hamas che costò la vita a oltre 2.000 palestinesi e 74 israeliani

PUBBLICITÀ

Il Premier israeliano Benyamin Netanyahu duramente criticato da un atteso rapporto del Controllore dello Stato Yosef Shapira sul modo in cui venne condotta a Gaza l’operazione militare contro Hamas, nel 2014.

Falla principale: la sottovalutazione dei tunnel sotterranei costruiti da Hamas. Al centro delle critiche anche l’ex-Ministro della Difesa Moshe Yaalon e l’ex-Capo di Stato Maggiore Beny Gantz. Netanyahu si era così difeso alla vigilia della pubblicazione del rapporto:

“Abbiamo attaccato duramente Hamas, uno dei colpi più duri che abbiano mai subito. Abbiamo ucciso un migliaio di terroristi di Hamas, colpito i suoi leader militari, colpito le sue fondamenta, abbiamo agito con forza, responsabilità e nella piena collaborazione tra il livello politico e quello militare. Mai un governo israeliano aveva seguito così da vicino e con piena informazione un’operazione del genere” aveva detto Netanyahu in conferenza stampa lunedì 27 febbraio.

Il rapporto critica in particolare la mancanza di preparazione a livello militare e la scarsa comunicazione tra intelligence e governo. In particolare, i bombardamenti israeliani non ottennero lo scopo, cruciale, di neutralizzare i tunnel usati da Hamas. Il conflitto costò la vita a oltre 2.000 palestinesi e a 74 militari e civili israeliani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele risponde agli inviti alla moderazione: "Colpiremo l'Iran, al momento giusto"

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Israele, si riunisce il gabinetto di guerra per decidere la risposta all'attacco iraniano