EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"Hard Brexit", ora il parlamento che dirà?

"Hard Brexit", ora il parlamento che dirà?
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Corte Suprema gela il governo May: "Serve ok del Parlamento". Prima vittoria per la battaglia dell'imprenditrice Gina Miller

PUBBLICITÀ

Stop. O meglio fermi tutti. Per la Brexit arriva un nuovo ostacolo al femminile. Il suo nome è Gina Miller, donna d’affari di origine sudamericana. I giudici della suprema corte hanno riconosciuto come valide le argomentazioni di un gruppo di cittadini capeggiati dall’imprenditrice che da tempo sostiene che il referendum è consultivo. a Miller si era rivolta a un prestigioso studio legale londinese, portando il caso fino al massimo organo giudiziario, e ha vinto la sua prima battaglia. E ora?

“Solo il Parlamento può concedere diritti alle persone, sostiene la Miller. Nessun primo ministro, nessun governo, possono aspettarsi di essere incontestabili e avere poteri induscussi. Solo il Parlamento è sovrano”, ha dichiarato davanti ai media la Miller.

Huge respect for Gina Miller, standing up to death threats & hatred. Here's her dignified response to SC jmnt. https://t.co/woQ3ead7A4

— Schona Jolly (@WomaninHavana) 24 gennaio 2017

Here is my statement on the UKSupremeCourt</a> &#39;s Ruling on <a href="https://twitter.com/hashtag/Article50?src=hash">#Article50</a> - please retweet & share <a href="https://twitter.com/hashtag/Brexit?src=hash">#Brexit</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/BrexitRuling?src=hash">#BrexitRuling</a> <a href="https://t.co/9CVzM6vTkB">pic.twitter.com/9CVzM6vTkB</a></p>&mdash; Catherine West MP (CatherineWest1) 24 gennaio 2017

Il Regno Unito si interroga su cosa accadrà adesso. Le affermazioni della premier Theresa May su una hard Brexit, stanno provocando qualche resistenza da parte di diversi parlamentari che, pur risconoscendo inevitabile l’uscita dall’Unione e dal mercato unico europeo, non sono disposti ad alzare bandiera bianca. Come il leader laburista Jeremy Corbyn, che ha già annunciato una serie di emendamenti. “C‘è il rischio che la Gran Bretagna diventi una economia offshore in Europa”, tuona Corbyn. “Non si tratta necessariamente di danneggiare l’UE, ma è un danno per questo paese, per le imprese, i posti di lavoro e per il servizio pubblico.”

The Government has today been forced by the Supreme Court to accept the sovereignty of Parliament.

— Jeremy Corbyn MP (@jeremycorbyn) 24 gennaio 2017

La May non si arrende nonostante il verdetto della Corte Suprema, almeno sulla carta, fermi il processo dell’esecutivo. Da Downing Street la premier, pur rispettando la decisione, fa sapere che si andrà avanti con il processo di uscita secondo il calendario stabilito, cioè entro il 31 marzo. Niente passi indietro rispetto al suo discorso ufficiale della scorsa settimana.

PM speaking at wef</a>: I am determined to stand up for free markets, free trade and globalisation <a href="https://t.co/ODiAXKpBQF">https://t.co/ODiAXKpBQF</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/wef17?src=hash">#wef17</a> <a href="https://t.co/k2h4pybzfP">pic.twitter.com/k2h4pybzfP</a></p>&mdash; UK Prime Minister (Number10gov) 19 gennaio 2017

La Corte ha anche stabilito che non servirà l’approvazione dei dei deputati di Scozia, Galles e Irlanda del Nord, per l’attivazione dell’articolo 50. Intanto mentre i magistrati hanno deciso che il governo non può fare nulla senza il voto delle due Camere perché violerebbe l’accordo con cui Londra ha aderito alla UE nel 1972, il vero obiettivo a questo punto non sarebbe bloccare la Brexit ma lavorare sulle singole clausole. Una battuta d’arresto per la Scozia di Nicola Sturgeon, europeista convinta e voce leader del “Remain.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit: governo prepara disegno di legge dopo verdetto Corte Suprema

Brexit: la Corte suprema dà torto a Theresa May

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico