Brexit: la Corte suprema dà torto a Theresa May

Brexit: la Corte suprema dà torto a Theresa May
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La sentenza della Corte Suprema dà, quindi, torto al governo May che aveva impugnato la sentenza di primo gradoinvocando il diritto ad attivare l’articolo 50 del trattato di Lisbona di d’autorità ed e

PUBBLICITÀ

La sentenza della Corte Suprema dà, quindi, torto al governo May che aveva impugnato la sentenza di primo gradoinvocando il diritto ad attivare l’articolo 50 del trattato di Lisbona di d’autorità ed entro marzo 2017, nel rispetto della volontà popolare espressa nel referendum del 23 giugno. La sentenza dei giudici supremi, confermando invece la decisione presa a novembre in primo grado dall’Alta Corte di Londra, dà ragione a un comitato di cittadini capeggiato dalla donna d’affari e attivista europeista Gina Miller che chiedeva un voto parlamentare. «Brexit è Brexit» ha continuato a ripetere Theresa May che ha annunciato un divorzio “duro” da Bruxelles ma che ora dovrà prepararsi alla battaglia dei deputati, la maggior parte dei quali contrari a lasciare Bruxelles, del partito nazionalista scozzese e di quello liberaldemocratico, entrambi europeisti. Secondo la Corte Suprema i tre Stati autonomi del Regno Unito – Galles, Scozia e Irlanda del Nord – non hanno, invece, voce in capitolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Hard Brexit", ora il parlamento che dirà?

Brexit, verdetto della Corte Suprema: il governo deve sottoporsi al voto del Parlamento

Regno Unito: la prima passeggiata della baby giraffa allo zoo di Chester