EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Francia: Le Pen intende negare la scuola gratuita ai figli dei "clandestini"

Francia: Le Pen intende negare la scuola gratuita ai figli dei "clandestini"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Marine Le Pen torna a farsi sentire e a far discutere.

PUBBLICITÀ

Marine Le Pen torna a farsi sentire e a far discutere. La leader dell’estrema destra francese, visitando il mercatino di Natale sugli Champs-Elysées, ha espresso propositi che con lo spirito natalizio hanno poco a che fare.
Per colei che, secondo molti analisti, tra pochi mesi arriverà a un passo dalla presidenza della Repubblica, la copertura sanitaria dovrebbe essere riservata ai francesi. E non è tutto.

“Ritengo – ha detto – che l’istruzione gratuita e obbligatoria dei figli dei clandestini sia un’attrattiva per l’immigrazione alla quale bisogna porre fine. Rifletto sull’introduzione di un periodo di attesa prima che gli stranieri che vengono a lavorare nel nostro paese possano accedere a un certo numero di servizi pubblici e alla previdenza sociale.”

“Porre fine alla scolarizzazione dei bambini stranieri? Marine Le Pen si prende gioco dell’onore della Repubblica francese”, replica su Twitter la ministra socialista dell’istruzione Belkacem.

Mettre fin à la scolarisation des enfants étrangers? C’est l’honneur de la République fr. que bafoue Marine Le Pen → https://t.co/zIe24xosuJpic.twitter.com/GJqA8auBYM

— Najat Belkacem (@najatvb) 8 décembre 2016

L’idea di Marine Le Pen è anche una risposta al programma di François Fillon, candidato della destra repubblicana, che (per risparmiare sulla spesa pubblica) prevede tagli alla sanità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione

Proteste in Nuova Caledonia: i motivi delle accuse della Francia all'Azerbaijan

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan