Australia: ragazzini replicano farmaco antimalaria a basso costo

Australia: ragazzini replicano farmaco antimalaria a basso costo
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un progetto scolastico riproduce il Daraprim, un farmaco salvavita antimalaria, a costi irrisori

PUBBLICITÀ

Studenti di scuola media in Australia, con l’assistenza di scienziati universitari, hanno
riprodotto ad un costo minimo un farmaco essenziale, l’antiparassitario Daraprim, di cui una casa farmaceutica Usa aveva rialzato il prezzo di oltre il 5000%, da 13,50 a 750
dollari Usa per pillola.

Gli studenti l’hanno riprodotto nel laboratorio della scuola a un costo di 2 dollari per dose.

Il Daraprim è usato per combattere infezioni come la toxoplasmosi e la malaria e per trattare persone con sistemi immunitari deboli, come quelle che vivono con l’Hiv, i pazienti di chemioterapia e le donne incinte.

“Abbiamo ripetuto infiniti test ptima di arrivare ad ottenere il Daraprim”. dice uno studente. “Noi siamo stati capaci di ottenere un medicinale a un prezzo estremamente basso”.

Gli studenti hanno trovato una procedura innovativa per passare dal composto base al prodotto finale. L’università di Sidney ne ha confermato la purezza analizzandolo in uno spettrografo.

Così un professore: “Siamo un progetto open source e cerchiamo di trovare medicinali contro questa malattia che uccide migliaia di persone ogni anno. Partiamo dai risultati delle case farmaceutiche e cerchiamo di svilupparli e migliorarli”.

Nel settembre dello scorso anno il gestore di fondi speculativi, o hedge funds, Martin Shkreli aveva acquisito il controllo della Turing Pharmaceuticals e ne aveva aumentato enormemente il prezzo di vendita, attirandosi critiche globali, compresa la condanna di Hillary Clinton.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Paesi Bassi: il piano per ridurre il numero di studenti stranieri nelle università

Grecia, proteste ad Atene contro la proposta di autorizzare università private