Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il Gabon resta paralizzato dalle proteste

Il Gabon resta paralizzato dalle proteste
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo due giorni di proteste per l’esito delle presidenziali in Gabon e un migliaio di arresti, la situazione rimane incandescente.

Il quartier generale dell’opposizione, attaccato da un elicottero della guardia presidenziale mercoledì notte, è assediato dall’esercito. All’interno resterebbero bloccati oltre 20 esponenti del partito e della società civile.

Per il presidente Ali Bongo le contestazioni sono ingiustificate.
“La democrazia – dice – non si sposa con successi autoproclamati di piccoli gruppi che mirano a distruggere. La democrazia non si sposa con l’assalto a un parlamento e alla TV nazionale. Questo a me sta a cuore ed è ciò che mi ha portato a rispettare scrupolosamente le norme elettorali fino in fondo.”

L’opposizione contesta i risultati dell’elezione che ha decretato la vittoria del presidente Ali Bongo con uno scarto ridotto su Jean Ping.

Unione Europea, Francia e Stati Uniti hanno invitato le parti alla moderazione e alla trasparenza sull’esito elettorale.

L’opposizione afferma che il bombardamento della propria sede avrebbe provocato due morti.

Fonti del governo hanno confermato e giustificato l’attacco, in risposta all’assalto al parlamento.